Si può vivere di trading? 4 risorse per il successo

Anche tu, come tutti, sarai bombardato ogni giorno da decine di messaggi pubblicitari che ti parlano di forex, di opzioni binarie, di analisi tecnica e di metodi miracolosi.

Succede la stessa cosa anche a me: ogni giorno sono sommerso da una valanga di mail commerciali, che finiscono dritte nel cestino dello spam.

Ti promettono sempre guadagni stratosferici, una vita da sogno e la libertà di lavorare da ogni angolo del pianeta, preferibilmente se si tratta di una spiaggia tropicale. Ma sai benissimo che è tutta pubblicità.

E invece tu vorresti sapere, ma per davvero, se è possibile diventare ricchi con il trading online. E vorresti capire come si fa. A quel punto sei disposto ad impegnarti seriamente, non cerchi scorciatoie.
Continua a leggere

STOP LOSS! ovvero come smettere di perdere soldi

stop loss buttonLe statistiche diconoche il 95% dei traders perde soldi. Così dicono, ma sarà vero? Purtroppo, non si tratta di una bufala o di una leggenda metropolitana. Sappiamo che è vero, perché ci siamo passati tutti, almeno all’inizio.

Se stai leggendo queste righe, è perché anche tu ti sei trovato a far parte del 95%, ed è per questo che vuoi migliorare il tuo trading.

Vuoi con tutte le tue forze entrare nel 5% dei vincenti. Sai che puoi farlo e sei determinato a raggiungere questo risultato. Con ogni mezzo.

Bene, teniamo la tua determinazione per dopo. Adesso quello che ci interessa sapere è che cosa accomuna quel 95% di perdenti.

Vuoi sapere qual è il punto debole di ogni trader che perde soldi sul mercato? Semplice, lo stop loss.

Continua a leggere

L’IMPORTANZA DI SCOPARE BENE

Erano diverse settimane che mancavo dalla casa al mare. Il vento ha depositato sul terrazzo uno strato di polveri e pollini, così ogni volta che fai dentro e fuori lasci le impronte dappertutto sul pavimento.

Detesto fare le pulizie, ma non posso nemmeno riempire la casa di pollini, o aspettare che lo faccia qualcuno altro, così ho preso la scopa e ho deciso di spazzare tutto il terrazzo.

Bisogna fare piano, se no la polvere che alzi si deposita di nuovo tutto intorno, e il vento non aiuta.

piastrelle sul terrazo Continua a leggere

Hai la passione del forex? Io no!

Fare trading è una passione, così dicono. Ci sono dei trader che passano anche 14 ore a guardare i grafici. Sempre per passione… E tu, quanto tempo passi davanti al monitor?

“Eh, Fabrizio, dipende dalle giornate, a volte non mi alzo nemmeno per andare in bagno!”

Ti dirò una cosa che per qualcuno può suonare strana, oppure fastidiosa. Per me, il trading non è una passione, ma un lavoro come un altro. E non mi piace affatto passare le ore guardando i grafici, anzi. Durante la mia giornata, cerco di stare meno tempo possibile davanti al monitor.

Trading%20monitor

La vedi questa immagine? Bene, quello non è (e non sarà mai) il mio ufficio. Uno schieramento di monitor come quello è peggio di una gabbia. No, grazie!

“Fabrizio, ma che cosa stai dicendo? Se non segui i mercati, come fai a fare trading?”

Basta seguirli… da lontano 🙂 Non è necessario fare sempre trading intraday. Anzi, le operazioni più profittevoli sono proprio quelle su orizzonte multiday. Continua a leggere

LE DISCESE ARDITE / E LE RISALITE

Immagina un alpinista che si accinge a scalare una parete, per aprirsi la via fino alla vetta.

Prepara la spedizione nei minimi particolari: studia la parete, le altezze, le distanze e le pendenze. Studia il clima, la stagione, le previsioni a 1 giorno 1 settimana e 1 mese.

Si procura l’attrezzatura, la testa ripetutamente, si apposta presso il campo base per attendere il momento propizio per cominciare la scalata.

E soprattutto prepara il suo corpo alla fatica fisica, alla privazione di ossigeno in quota, al mal degli 8000 che procura allucinazioni per effetto dell’altitudine. Perché lassù non c’è il navigatore, non ci sono aree di servizio, non puoi dire “basta, non ce la faccio più, fatemi scendere”.

Continua a leggere

Perdi soldi nel trading? Tutta colpa di Hulk

hulk 2

Quello che leggerai nelle prossime righe potrebbe farti incazzare parecchio, come uno schiaffo in faccia all’improvviso. Oppure farti storcere il naso dall’incredulità. O magari ti farà vedere con occhi diversi qualcosa che credevi di conoscere già.

Dipende da te, da come reagirai a quello che ho scritto. Il mio scopo è semplicemente spiegarti che cosa hai sbagliato fino adesso nel trading e dirti che cosa devi fare per risolvere la situazione. Ti pare poco? Forza, cominciamo, che la faccenda è seria.

Che cosa c’entra Hulk? Lo capirai. Continua a leggere

DALLA TEORIA DEI GIOCHI AI VIAGGI NEL TEMPO

Se credi che il trading sia il male del secolo, la piaga dell’economia moderna, la causa della crisi globale, allora non sei il solo, anzi sei certamente in buona compagnia insieme a tutti i detrattori della finanza moderna, ma si tratta di un punto di vista un po’ esagerato.

Al contrario, se credi che i mercati finanziari siano un paradiso che crea ricchezza dal nulla, che moltiplica le risorse su scala globale grazie agli scambi di mercato, anche in questo caso sei in buona compagnia, insieme a tutti gli illusi che credono di poter diventare ricchi aprendo un conto online con poche centinaia di euro, usando il bonus del broker insieme alla leva 4000x.

Insomma, se cerchiamo di applicare categorie assolute come il male e il bene al trading, ci troviamo in difficoltà, come se fossero intrecciati.

male_e_bene

La speculazione finanziaria, per sua natura e per le modalità stesse del suo funzionamento, è destinata a distruggere ricchezza. Così come il fabbisogno energetico è destinato a prosciugare le riserve petrolifere. Se vogliamo usare la terminologia della teoria dei giochi, si tratta di un gioco a somma negativa. Continua a leggere

Con quale capitale stai lavorando?

NYT2008121512593046C

Ormai lo sappiamo tutti che per fare trading seriamente bisogna essere capitalizzati, e che i conti da 1000€ con leva 1:400 finiscono “rasati” e bruciati nel giro di pochi mesi, proprio a causa dell’uso sconsiderato della leva finanziaria.

Ma non è a questo che mi riferivo nel titolo parlando di capitale; non parlo dal capitale finanziario, bensì del capitale psicologico, che è forse più importante del primo. Anzi, togliamo pure il forse.

Continua a leggere

10 regole sullo Stop Loss

Qualche giorno fa ho avuto una lunga conversazione con un paio di trader a proposito degli stop loss. Sì lo so che è un argomento antipatico, a nessuno piace perdere soldi. Purtroppo non si possono evitare gli stop loss e bisogna imparare a conviverci. Anzi, è un elemento da conoscere bene perchè ci può garantire la sopravvivenza.

Non dimentichiamoci che la prima regola del trader è non perdere soldi. Tutto il resto, viene dopo.

Se non sai impostare correttamente gli stop loss, andrai incontro a sicura rovina. Un po’ come un alpinista che si arrampica su una parete del sesto grado senza usare i chiodi di sicurezza. Puoi essere un fenomeno dell’arrampicata, ma se perdi la presa anche per un solo istante sei spacciato. Prima metti i chiodi di sicurezza, poi cominci a salire.

arrampicare

Ho sintetizzato in poche semplici regole tutto quello che c’è da sapere sullo stop loss. Applicarle tutte e applicarle sempre, ti può garantire lunga vita sui mercati. Disattenderle e trasgredirle, al contrario, ti porterà sicuramente e velocemente alla rovina. Non è una gufata o una minaccia, ma una cruda verità. Perciò ti conviene impararle a memoria, stamparle a caratteri cubitali e appenderle sul muro di fianco al monitor, così non te le dimentichi. Poi non dire che non ti avevo avvisato. Continua a leggere