Il cecchino e il guerrigliero

Un cecchino e un guerrigliero andavano a caccia nello stesso territorio. Si incontravano la mattina presto quando entravano nella riserva, poco prima che l’alba schiarisse il cielo, e poi si ritrovavano la sera al mercato del villaggio, quando ormai il sole era tramontato.

Il cecchino si appostava su un’altura, sistemava il suo fucile di precisione, e aspettava. Il guerrigliero procedeva spavaldo nella foresta con la sua mitragliatrice e rovesciava continue raffiche di colpi ogni volta che avvertiva un movimento tra le fronde di un albero o dietro un cespuglio, poi si avvicinava a raccogliere le prede: lepri, scoiattoli, uccelli, roditori, e altri piccoli animali della boscaglia.

La sera del primo giorno, il guerrigliero portò al mercato il suo bottino, oltre 10 kg di selvaggina nel carniere che portava in spalla, e fu pagato con 10 monete d’oro. Dovette  però consegnare metà dell’incasso al trafficante d’armi, perché aveva esaurito un intero caricatore da 100 colpi. Il cecchino invece rientrò al villaggio a mani vuote: non aveva sparato neanche un colpo.

Il secondo giorno, il guerrigliero rientrò dalla caccia con 20 kg di selvaggina nel carniere e fu ricompensato con 20 monete d’oro, metà delle quali gli servirono per acquistare nuove munizioni, dato che aveva consumato oltre 200 colpi. Il cecchino era ancora a mani vuote e non aveva sparato neanche un colpo.

Il terzo giorno, il guerrigliero rientrò dalla caccia con 30 kg di selvaggina nel carniere e fu ricompensato con 30 monete d’oro. Il cecchino era ancora a mani vuote, ma stavolta aveva sparato due colpi, e si recarono insieme dal trafficante d’armi per fare rifornimento di munizioni. Il guerrigliero notò che il cecchino aveva con sè 20 monete d’oro e gli chiese: “tutti quei soldi per comprare solo due proiettili? e come pensi di andare avanti se rientri sempre a mani vuote?”.

Il cecchino lo guardò perplesso e gli disse: “ma io oggi ho colpito la mia preda, stanno andando a prenderla per riportarla al villaggio mentre io andrò in banca a ritirare 1.000 monete d’oro di ricompensa”. Il guerrigliero sbigottito gli chiese: “Non capisco. Come hai fatto a colpire così tanti animali da ricavare 1.000 monete d’oro con due colpi solamente?”.

“Oh, no -rispose il cecchino- io ho colpito solo un animale. Non lo posso trasportare al villaggio perché ci vogliono almeno 10 persone per trasportare un elefante. E mi sono serviti due colpi per abbatterlo perché bisogna colpirlo proprio in mezzo agli occhi”.

E si allontanò fischiettando.

Buona caccia a tutti! 

Ce l’hai un piano di trading?

Prima di affrontare il mercato, è necessario preparare un piano di trading. Seguendo alcune semplici regole sarai in grado di incrementare il tuo capitale psicologico.

Un giovedì da leoni (i surfisti della volatilità)

La volatilità dei mercati finanziari può avere delle impennate violente, come una mareggiata improvvisa, come la grande onda del film “Un Mercoledì da Leoni”.

Si può vivere di trading? 4 risorse per il successo

Vivere di trading è il sogno di chi opera sui mercati. Raggiungere questo obiettivo è arduo: ci riesce solo 1 su 10. Scopriamo le 4 risorse per avere successo nel trading.

Stop Loss! Ovvero come smettere di perdere soldi

La prima regola del trader è non perdere soldi. Tutto il resto, viene dopo. Ecco le 10 regole fondamentali dello stop loss. Da non dimenticare mai.

L’importanza di spazzare bene

La pazienza e la perseveranza sono virtù importanti nella psicologia del trading. Se ti poni un obiettivo che è alla tua portata, devi sostenerlo fino alla fine.

Hai la passione del forex?

Fare trading è una passione. Ma è davvero necessario passare tutto il giorno davanti al monitor per operare sui mercati finanziari? No, non lo è.

Le discese ardite e le risalite

Il mercato è come una montagna, attraversata ogni giorno da migliaia di piccoli alpinisti della finanza, che sfidano le vette alternando successi o fallimenti.

Perdi soldi nel trading? Tutta colpa di Hulk

Più del 90% dei trader perde soldi. Ma il problema non è la tecnica. La vera causa delle perdite è la bestia che c’è dentro di noi. Tutta questione di psicologia.

Dalla teoria dei giochi ai viaggi nel tempo

Nei mercati finanziari vale la legge della domanda e dell’offerta: il prezzo di equilibrio è determinato dal rapporto di forza tra gli orsi (i venditori) e i tori (i compratori)